Muay Thai, Bortolai vince in Thailandia

«Finchè sono qui vado avanti senza mollare un colpo!»

di Nicholas Fresu -


Immagine1

 

La Muay Thai è un'antica arte marziale thailandese nata dai soldati che durante le battaglie rimanevano senza armi. In seguito è diventata un vero e proprio sport, con tanto di regolamento scritto che prevede l'utilizzo di pugni, ginocchia, gomiti e calci, il tutto su riprese da cinque o tre round per tre minuti.

E proprio in questa disciplina Daniele Bortolai, di Campomorone, nei giorni scorsi ha ottenuto un importante successo in Thailandia.

Ma cerchiamo di capire cosa lo abbia spinto ad avvicinarsi a quest'arte così particolare:

«Sono sempre stato appassionato di sport di combattimento, già da piccolo mi capitava di guardare la boxe alla televisione» esordisce Daniele. «Ho iniziato ju jitsu a Isoverde e ho conosciuto la lotto in piedi. Dopo circa tre anni ho conosciuto le arti marziali miste e mi sono avvicinato alla Muay Thai, iscrivendomi così alla Jay Suu gym di Bolzaneto».

E cosa ha provato dopo la vittoria in terra thailandese? «Ovviamente grande soddisfazione, sono stato ricoperto dall'affetto di tanti conoscenti che con un semplice messaggio mi hanno fatto sentire la vicinanza».

Ovviamente c'è spazio anche per le dediche: «Penso a tutti quelli che mi hanno sempre sostenuto, a partire dal mio maestro e tutti i ragazzi della palestra. E poi mia madre, mio fratello che mi ha sempre aiutato e tutte quelle persone che credono in me e che hanno trovato un po' di tempo per tifare per me!».

Come abbiamo detto si tratta di uno sport inusuale, quantomeno nel nostro Paese. Cosa vorrebbe dire Daniele a un bambino che volesse avvicinarsi? «Posso solo consigliare di provare, assicuro che ci si diverte. E ai genitori vorrei dire di non preoccuparsi: non c'è alcun pericolo né durante l'allenamento né durante eventuali gare a contatto leggero, vengono utilizzate tutte le precauzioni possibili».

E per il futuro quali progetti ci sono? «Nel futuro a lungo termine non so dirlo con certezza. Nel breve posso dire che ho un match fissato per gennaio e finchè sono qui ho intenzione di andare avanti senza mollare un colpo!»

Allora in bocca al lupo a Daniele, Campomorone è orgogliosa di avere un'altra stella dello sport nel suo territorio.