Sanità, le disposizioni della ASL3 in vista della demolizione di Ponte Morandi

Sanità, Gallino aperto dalle 7:00 e pronto a un'apertura notturna straordinaria in caso di necessità. Questa e le altre disposizioni a tema salute per la Val Polcevera

di Laura Casale -


Immagine1

Dopo aver coordinato le operazioni di evacuzione delle zone più vicine alle pile 10 e 11 di Ponte Morandi nella giornata di oggi, ecco le disposizioni per la giornata di domani, venerdì 28 giugno di ASL3 per i cittadini genovesi e polceveraschi.

Durante le operazioni saranno a disposizione per eventuali necessità le unità delle Cure domiciliari, il servizio di Salute mentale e quello dell’Emergenza.

Inoltre, verranno attivati due Poli di Continuità Assistenziale (Guardia medica) dedicati all’assistenza dei cittadini presso due dei Centri di Accoglienza, uno “a monte” presso il Pala Diamante (Via Felice Maritano, a Begato) e un altro “a valle” del Ponte Morandi, presso la sede ASL della Fiumara, con un medico e un infermiere.

L’Ambulatorio Mobile Asl3, con un medico di Continuità Assistenziale e un Infermiere, sarà presente nella zona limitrofa all’area evacuata (in attesa di ubicazione definitiva comunicata da parte della Protezione civile) fino al rientro nelle abitazioni.

Tutte le sedi Asl3 funzioneranno regolarmente, con la sola eccezione dell’Ambulatorio di via Canepari e la sede dello screening in via Agnese, che sospenderanno l’attività per l’intera giornata.

Considerate le modifiche della viabilità (strade urbane, autostrade e rete ferroviaria), previste dalle ore 7:00 e fino a cessate operazioni, è prevista anche una modifica dell’orario del Punto di Primo Intervento dell’Ospedale Gallino con apertura anticipata di un’ora, ossia dalle ore 7:00 alle ore 20:00 anziché dalle 8:00 alle 20:00. Nel caso le modifiche alla viabilità dovessero superare l’orario previsto, il P.P.I. Gallino rimarrà aperto anche nelle 12 ore notturne.
 Senza fare polemiche, vista l'occasione inadatta, ci limitiamo a sperare che, nel caso, l'esperimento possa essere la base per rendere l'apertura eccezionale una situazione di normalità.

«Si tratta di un piano complesso – spiega l'assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale – che coinvolge tutto il sistema sanitario metropolitano, con il coordinamento di Alisa. Abbiamo tenuto conto di ogni possibile variabile, preparando anche gli ospedali alla gestione di potenziali emergenze e predisponendo la presenza di un presidio medico in ciascuno dei centri di raccolta degli sfollati. Particolare attenzione – prosegue l’assessore Viale – è rivolta anche al caldo: già da domani e nella giornata di venerdì è prevista un’ondata di calore con l’allerta arancione diffusa dal ministero della Salute. Sono dunque fondamentali i consigli previsti dal Piano caldo che invitiamo ancora una volta tutti i cittadini a seguire. Su questo – conclude - sensibilizzeremo in modo puntuale sia i medici di medicina generale sia i gestori delle residenze sanitarie. Il mio ringraziamento è rivolto in particolare a tutto il personale della Asl3, insieme alla direzione generale, sanitaria e sociosanitaria».

Per informazioni più dettagliate e aggiornate, si consiglia di consultare il sito di Asl3.

SEGUICI