Scoppia una tubatura di gasolio a San Quirico, sversamento nel torrente e traffico in tilt

Si temono i danni ambientali causati da uno sversamento di gasolio nel Polcevera, a seguito della rottura di una conduttura della Sigemi a San Quirico. La chiusura di Via Semini ha bloccato il traffico a causa del sistema stradale già in condizioni precarie.

di Laura Casale -


Immagine1

Nuovi problemi in Alta Val Polcevera con quanto rimane dell'industria pesante degli idrocarburi. Nel pomeriggio, stando alla ricostruzione delle forze dell'ordine sul posto, una conduttura di gasolio di proprietà Sigemi che attraversa il torrente non sarebbe riuscita a rilasciare il suo contenuto nei serbatoi nei pressi di Via Romairone. Di conseguenza, per evitare esplosioni, il liquido sarebbe stato rilasciato sulla strada e nel Polcevera.

La priorità è contenere i rischi ambientali, tuttavia l'incidente ha avuto conseguenze immediate sul traffico dell'Alta Valle. Via Semini è stata infatti chiusa, interrompendo il collegamento diretto tra Pontedecimo e San Biagio, a causa del cantiere che da alcune settimane ha interrotto in entrambi i sensi Via San Quirico per i lavori al voltino ferroviario e a Via Budulli. Le linee AMT 7 e 63 si fermano al momento a Bolzaneto.

Sul posto Federico Romeo, presidente del Municipio V, con le Forze dell’Ordine, alla Polizia Locale, ai Vigili del Fuoco, Aster e AMT.

Per il momento è stato creato un varco per i pedoni attraverso il cantiere di Via San Quirico, sull'altra sponda del torrente. AMT sta creando un sistema di navette a monte per collegare Pontedecimo con il resto della valle. Tuttavia la situazione è molto precaria.

Via Val d'Astico è congestionata a causa, sembra, di un autotreno bloccato e del traffico che si sta riversando dalla via di Morego per raggiungere l'Alta Valle. L'altra via consigliata per raggiungere Pontedecimo è la ex-Guidovia, passando da San Biagio, una strada come è noto già molto fragile e che non consente un regolare traffico continuo a doppio senso.

Un'altra giornata nera per l'Alta Valle.

SEGUICI
ULTIMI ARTICOLI